Daniela Cocco

La produzione artistica di Roberta Maola è frutto di un processo rappresentativo composto di un doppio movimento, in cui la realtà fenomenologica viene prima percepita e scomposta per essere compresa nella sua essenza, per essere successivamente ricomposta e fotografata in un particolare, strumento che restituire il processo di inferenza. Per tali presupposti l’ossessiva ricerca della perfezione formale, propria della scuola classica, è condizione imprescindibile della produzione dell’artista la quale ritrova nelle tecniche ad olio e del chiaro scuro i medium preferiti. L’alternarsi tra luce e ombra diventa complice nel generare tensione e svelare, allo spettatore, segrete dimensioni emozionali. Così l’artista ritorna all’essenzialità, mettendo tra parentesi le convenzioni sociali, soverchiando sovrastrutture giustapposte alla realtà che la etichettano pre-interpretandola, nascondendola e deformandola. In questo modo, l'arte rivendica ed assume legittimamente, il ruolo di strumento privilegiato di comunicazione, il più idoneo a contattare, in maniera immediata, i livelli più profondi ed autentici della coscienza umana.

 

Daniela Cocco

New York Febbraio 2013